Articoli - Alcol Carcere e Diritti

Alcol,carcere e diritti
PROGETTO DI RICERCA INDIPENDENTE E DI CONSULENZA SUI PROBLEMI ALCOL-GIUSTIZIA CORRELATI
Alcol, carcere e diritti
Vai ai contenuti

ESECUZIONE PENALE: LA PRIMA RIFORMA È SMETTERE DI PENSARE AL PROPRIO ORTICELLO.

Interlocuzioni sottobanco, appelli e cartelli estemporanei, iniziative di facciata servono solo ad accontentare la propria filiera e mantenere su di essa il proprio potere ma hanno dimostrato di mantenere inalterata la situazione.
Chi desidera una riforma dell'esecuzione penale costituzionalmente orientata, profonda e duratura che migliori la civile convivenza nel nostro Paese é chiamato ad uno sforzo umile e leale di studio, proposta e messa in gioco personale.
Gabriele Sorrenti | 15/2/2021

BEN ARRIVATA PROFESSORESSA CARTABIA!

Giurista di grande esperienza, apprezzata ex Presidente della Corte Costituzionale, lascia sperare che l'amministrazione dell'esecuzione penale possa finalmente essere instradata sui binari della Costituzione che non ritiene indispensabile il carcere ma ci obbliga ad orientare la pena verso la finalità rieducativa.
Gabriele Sorrenti | 13/2/2021

BUON NATALE AL CARCERE

Buon Natale ai detenuti che sono chiusi in carcere senza che la pena sia orientata alla rieducazione e al reinserimento sociale.
Buon Natale ai famigliari dei detenuti, anch'essi condannati ad una pena senza averne colpa.
Buon Natale alle vittime di reato alle quali la Giustizia non ha dato parola, pretendendo che si accontentino della condanna pronunciata in tribunale come se questo potesse trasformare il dolore.
Gabriele Sorrenti | 24/12/2020

COME HAI POTUTO FARMI QUESTO?

Il carcere è, credo, uno dei temi più importanti della nostra società, tutt’altro che marginale, perché è quello che meglio dipinge quello che siamo in realtà, al di là di tutte le cose belle che diciamo di noi stessi.
Gabriele Sorrenti | 11/11/2020

GRIGLIATA Sì, GRIGLIATA NO.

Il Lunedì di Pasqua, mentre sotto le mie finestre passava ossessivamente il camioncino della Protezione Civile dal cui altoparlante echeggiava il proclama dell' Autorità il cui sunto era "restate a casa in solitudine o potreste finire in carcere", in un istituto di pena la polizia penitenziaria ha fatto festa.
Gabriele Sorrenti | 18/4/2020
Sito creato da Gabriele Sorrenti con WebSite X5
contatti
Gabriele Sorrenti
+ 39 371 438 1985
counseling@gabrielesorrenti.it
Torna ai contenuti